UN FILO DI ME


Avevo 6 anni quando ho iniziato il mio "viaggio maglia", proprio mentre mia nonna stava lavorando ad un luminoso maglione arancione.
L'ho guardata lavorare per un paio di minuti, riposando con la testa sulle sue ginocchia, poi me ne sono spuntato fuori con: "... ti prego, nonna, mi vorresti insegnare a lavorare a maglia ..?".
( Ho sempre amato il colore arancione, anche quando ero un bambino....;-)
Quindi i primi ricordi dei lavori finiti e presentabili: uno scialle di viscosa verde per mia mamma, un cuscino di cotone bianco, una sciarpa rossa di acrilico (eh...lo so...ma faccio mea culpa: anch'io ho lavorato "la plastica"!)
Dopo di che è stato un crescendo: ho letto e speso una fortuna in libri, riviste, opuscoli ecc .. per migliorare la mia conoscenza di maglia a mano e di uncinetto.
Ed ho fatti tanti, tantissimi errori. Mi scoraggiavo ma c'era sempre lei, la mia nonnina Vienna a sostenermi. "....fare e disfare è tutto un lavorare,...." diceva lei. E paziente mi mostrava come rimediare ai disastri e che, con pazienza, tutto si risolve e torna a posto.

Poi, durante l'adolescenza, la macchina da maglieria mi ha affascinato e ne ho comprata una.
A forza di arrabbiature e sconfitte ho imparato ad usarla...che fatica, credetemi!

Ma il ticchettio dei miei ferri e lo sferragliare della mia macchina non arrivavano più in la delle pareti di casa. Fino a che....,finalmente, è arrivato internet. Aaaaah! che meraviglia!
Un mondo nuovo e pieno di risorse, di persone con la mie stesse passioni ed i miei stessi dubbi.

Per questo mi sono deciso ad aprire un blog.
Condividere ciò che so ed apprendere ciò che sanno fare gli altri.

Grazie a tutti coloro che mi leggeranno e che scriveranno. I commenti in questo blog, purchè civili, sono assolutamente liberi. Agite nel rispetto di chi leggerà ciò che scrivete.

Perchè, diceva nella commedia Eduardo "Gli esami non finiscono mai"....e tantomeno quelli con se stessi.

Paolo

17 commenti:

  1. Grazie Paolo dei preziosissimi consigli. E' vero: gli esami non finiscono mai!
    E come ci si sente quando fai vedere le creazioni nate dai ferri tenuti dalle proprie mani... Scruti gli occhi di chi guarda e tocca la maglia, la borsa, l'oggetto al quale hai dato una forma, una dimensione, da quei rotoli e rotoli di cotoni e lane lavorati con pazienza e tanta soddisfazione.
    La macchina da maglieria ce l'ho anch'io, regalo ricevuto per la nascita di mia figlia. Ma sta lì, tra il muro e la cassettiera...ci ho litigato almeno una ventina di volte, poi ha vinto lei. Ma ora con internet ed il tuo aiuto (grazie al cielo) potrò preparami al prossimo round e vincere "ai punti".
    A presto e grazie ancora. Betty

    RispondiElimina
  2. Ciao Betty!!!
    Scusa se mi accorgo così tardi del tuo commento così bello ed appassionato.
    Quando ti tornerà la voglia di rimettere "in carreggiata" la tua macchina chiedi pure e, per quel che sono in grado, sarò felice di darti una mano.
    Può interessarti sapere che su Facebook c'è un gruppo che parla solo di maglia a macchina?
    Sono tutti molto gentile, disponibili e tanti sono espertissimi.
    Di seguito il link.
    Un saluto e grazie!

    https://www.facebook.com/groups/58944745950/

    RispondiElimina
  3. Ciao Paolo, ho trovato il tuo blog girando alla ricerca di informazioni. Vorrei imparare ad usare la macchina da maglieria che giace inutilizzata ormai da vent'anni nel garage di una cugina di mia madre .... il problema è che si tratta di una Santagostino 7 manuale e non sono riuscita a trovare nessun tipo di spiegazione su come funziona e naturalmente non ho nessuna istruzione cartacea a mia disposizione.
    Conosci questo tipo di macchina o sai indicarmi qualche santo che mi può aiutare? :)
    Grazie in anticipo e complimenti per il blog, una vera miniera di informazioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena! vorrei proprio poterti aiutare ma la macchina che tu possiedi è un modello davvero vecchio...
      Non per questo meno buona, anzi! di solito sono le più robuste e quelle che danno (se ben messe a punto) i migliori risultati, pure se non permettono punti molto complessi.
      Credo che sia stata costruita fra gli anni '50 ed i '60....l'unica soluzione è cercare qualcuno che ne possieda una uguale (o simile) e ti spieghi verbalmente come fare ad utilizzarla.
      C'è un gruppo su FB dedicato esclusivamente alla maglieria a macchina. Perchè non provi a chiedere li? sono sempre molto gentili e disponibili e ci sono persone che lavorano sulle macchine da decenni.
      https://www.facebook.com/groups/58944745950/
      Io sono riuscito a trovare solo il manuale per la Coppo che, in linea di massima, dovrebbe essere molto simile poichè con funzionamento "a piedini":
      https://plus.google.com/photos/111114603993246357810/albums/5806269660605280609/5806270552867187794?banner=pwa
      In alternativa, rivolgiti ad un meccanico specializzato. Oltre ad una buona messa a punto (necessaria, sempre!) ti saprà certamente indicare come si usa.
      Ti ringrazio per i complimenti e, visto che è il 1° gennaio, auguri!

      Elimina
  4. Grazie per i due preziosi indirizzi e buon anno anche a te, che sia un anno laborioso e di soddisfazione :)

    RispondiElimina
  5. Pure io lavoro la maglia, ma soltanto con i ferri.
    Mi trovo solo, in quanto uomo, tra le mie conoscenze dirette, a svolgere questa attività; il che non mi dispiace, se non nel caso in cui mi scontro con stereotipi che vorrebbero confinare questa attività all'ambito femminile. Le distinzioni sessiste, di genere, razziste si combattono anche così come fai tu, nel descrivere pubblicamente i propri interessi sui generis, e spero anch'io di fare la mia parte.

    Sono felice di aver scoperto il tuo blog,
    un saluto

    Davide

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Ciao, sono Susanna, ho letto volentieri i fondamenti della maglieria a macchina che hai pubblicato. Sono capace però di lavorare solo a mano e, visto che mi regalerebbero una macchina Necchi Empisal knitmaster (penso 260) senza manuale d'uso, ti chiedo se puoi indicarmi dove trovarlo (anche pagando). Mi rendo conto di lanciarmi in un'impresa quasi folle, ma vorrei provare ad imparare... Complimenti ancora e grazie in anticipo. Susanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Susanna. Il numero di modello (e la marca) sono indispensabili per ritrovare il giusto manuale.
      Controlla su tutta la macchina (anche dentro al coperchio) e dovresti trovarlo. La marca è quella che vedi scritta sulla carrozzeria.
      Qui, trovi un sacco di manuali da poter scaricare gratuitamente: http://www.aboutknittingmachines.com/SilverReedManuals.php
      In bocca al lupo!
      P.

      Elimina
    2. raffaella bianchini10 marzo 2014 13:55

      Ciao Paolo, mi chiamo Raffaella e ho appena acquistato una vecchia "nuova" (nel senso ancora nella confezione) macchina per maglieria Singer credo mod. 400. Allegate ci sono delle istruzioni ma assolutamente incomprensibili e non ben corrispondenti alla macchina.
      Io lavoro a maglia fin da ragazzina, ma la macchina non l'ho mai usata e non so come districarmi. Tu mi puoi dare una mano? Conosci questo modello? Credo che sia molto vecchio, le istruzioni sono datate 1983, ma la macchina non so. Please, help me.
      Grazie ciao Raffaella

      Elimina
    3. Ciao Raffaella! per esser sicuro che leggi la risposta...la metto qua e te la mando anche via mail! ;-)
      Dunque...cominciamo col dire che io non conosco la tua macchina.
      Ma ho cercato in giro sul web e sembra che la SInger fosse, dagli anni 70 in poi, distributore in Europa per il marchio SUPERBA, tutt'oggi in distribuzione!
      Ti consiglio quindi di dare un'occhioata qua e vedere se riconosci la tua macchina:
      http://www.superbaknitting.com/2005/07/superba-double-bed-knitting-machine_18.html
      Se la trovi, sei già a buon punto! se riesci a scovare il modello corrispondente di "Superba" potrai trovare diversi video su youtube. In ogni caso i modelli della Superba sembrano avere tutti un funzionamento molto simile ! ;-)
      Poi. Tisuggerisco di iscriverti al gruppo FB "OR Solo Maglia Macchina". Praticamente tutti coloro che ne hanno una in Italia sono lì dentro! vuoi che non ci sia qualcun@ che abbia un modello come il tuo??
      https://www.facebook.com/groups/58944745950/
      Nello stesso gruppo potrai conoscere qualcun@ che è in zona Milano che ti possa dare indicazioni se non qualche lezione "live"!
      Spero che tutto 'sto pappone ti serva a qualcosa!
      Un saluto e buona smacchinata! Paolo.

      Elimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Caro Paolo quale consiglio daresti a chi intende iniziare un'attività di maglieria con due macchine finezza 5 e una doppia frontura? Il tentativo fatto qualche anno fa non aveva dato buoni risultati perché è difficile non solo farsi una clientela ma anche realizzare capi esclusivi, il risultato finale, per quanto abbia cercato di lavorare con cura non era proprio speciale. Dove trovare dunque modelli particolari e appropriati ad una che richiede giustamente capi fuori dell'ordinario?

    Eleonora

    RispondiElimina
  10. Ciao Paolo...
    che bello aver trovato il tuo Blog e il gruppo su Fb... Uomini che lavorano a maglia in Italia è veramente una rarità...
    Io vivo ad Orvieto e lavoro a maglia per hobby e per relax... Ma ultimamente ci sto dando dentro un bel po'... Spero di fare qualche conoscenza e scambiare esperienze e soprattutto "filosofie di vita"... Grazie a presto Mauro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mauro e grazie!
      Perchè non ti iscrivi nel gruppo di FB? scoprirai che gli uomini che fanno la maglia non sono poi più di tanto una rarità ;-)
      ti aspetto eh? e qundo arrivi, fatte riconosce'! :-D

      https://www.facebook.com/groups/magliuomini/

      Elimina